La Vigna di Rachele - Incontri di guarigione dall'aborto

05/02/2011

Regina e David erano sposati da 8 anni, con un figlio di 5 anni. Lei, cattolica praticante di famiglia filippina, era molto devota. Aveva lasciato il lavoro in ufficio con l’arrivo del primo bambino. Lui, ingegnere informatico nella Silicon Valley, proveniva da una famiglia ebrea non praticante. Per

amore di sua moglie e per l’unità familiare David andava in chiesa ogni domenica.

 

Dopo aver vissuto tranquillamente i primi mesi della gravidanza hanno accettato di fare i “test

prenatali” che hanno portato una diagnosi di Sindrome di Down nella figlia. Sotto grandi

pressioni, sia del personale medico che richiedeva una decisione affrettata senza offrire la

possibilità di parlare con altri genitori di bambini Down, sia della madre di David, che insisteva che

una figlia handicappata avrebbe solo portato guai a tutta la famiglia, hanno deciso di abortire.

A distanza di più di due anni da quell’episodio dolorosissimo, Regina soffriva ancora molto. David

non esprimeva emozioni al riguardo, si concentrava invece sui doveri della vita quotidiana e

insisteva che dovevano “andare avanti”.

 

 

Nella domenica della “Giornata per la vita” dei vescovi americani, Monika (allora incaricata in curia nella pastorale familiare e ora coordinatrice della Vigna di Rachele in Italia) fu invitata dal

 comunicazione di coppia, interrotta da più di due anni a causa di ciò che era accaduto. Dal momento del ritiro il lutto di Regina non doveva più essere represso, e David ha scoperto la possibilità di dare un sostegno a sua moglie, nonostante il fatto che egli sentisse e vivesse in un modo diverso questa loro perdita.

Ecco la lettera che Regina e David hanno scritto durante il ritiro della Vigna di Rachele, e che, parroco a parlare in tutte le messe sulla guarigione postaborto e sulla Vigna di Rachele. Ascoltanto  questa riflessione durante l’omelia, Regina si sentì commossa e la coppia parlò con Monika dopo la messa.

 

 

insieme, hanno letto durante la Funzione Commemorativa del weekend:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carissima figlia, Christel Virginia,

 

Quando sei entrata nelle nostre vite eravamo molto gioiosi. Già dal grembro

tu riempivi un vuoto nella nostra famiglia. Ti amavamo tanto e prendevamo

ogni precauzione per assicurare la tua salute e il tuo benessere.

Quando abbiamo saputo che eri una bimba, abbiamo dipinto di rosa la tua

stanzetta. Programmavamo di comprarti una culla bianca con un bordo

ricamato. Io non vedevo l’ora di vestirti con deliziosi vestitini e di farti le

trecce.

Non vedevamo l’ora di presentarti al tuo fratellino. Anche lui era ansioso di

conoscere la sua sorellina. Non avresti potuto essere più benvenuta di così.

Quando i medici ci hanno detto che eri molto ammalata ci siamo sentiti

devastati. Pensavamo di aver perso tutto ciò che amavamo in te e che era

per noi così prezioso. Pensavamo di averti persa, ma la verità è che non

abbiamo perso te, ma noi stessi. Abbiamo perso di vista cosa eri. Abbiamo

perso di vista chi eri, ossia ancora nostra figlia. Non riuscivamo a pensare a

niente di diverso da ciò che chi ci era intorno, e noi stessi, ci dipingevamo di

te. Perdonaci, per favore. Abbiamo perso il nostro legame con il tuo spirito e

con la tua anima. Per questo siamo molto dispiaciuti. Siamo anche

dispiaciuti per il fatto che sia passato tanto tempo senza che ci

rimettessimo in contatto con te. Ma ora, attraverso l’opera di Gesù

sentiamo la presenza del tuo spirito. Ci sentiamo riuniti con te.

Noi siamo i tuoi genitori e tu sei nostra figlia. E questo sarà per sempre. Mai

più ti abbandoneremo. Puoi contare su di noi, e noi contiamo sulle tue

preghiere. Ti ameremo per sempre. Speriamo di riunirci con te nei cieli.

Con amore,

 

Mamma e Papà

 

 

Poche settimane dopo, nonostante lo scetticismo del marito, fecero insieme un ritiro weekend della Vigna, che ha aiutato Regina ad elaborare apertamente il suo lutto e ha sbloccato la

 

Tags

Torna indietro

Aggiungi un commento